Il Progetto SIBaTer

SIBaTer è il progetto di «Supporto istituzionale all’attuazione della Banca delle Terre» finanziato dal Programma complementare al PON Governance e Capacità istituzionale 2014-2020 (cofinanziato dai fondi strutturali e di investimento europei – fondi SIE).

E’ gestito da ANCI – Associazione Nazionale dei Comuni italiani, con il supporto tecnico della sua Fondazione  IFEL – Istituto per la Finanza e l’Economia Locale.

I servizi sono prestati a titolo completamente gratuito e  non comportano dunque alcun costo a carico dei Comuni che ne beneficiano.

 

I Destinatari

Destinatari dei servizi di supporto e affiancamento prestati dalla Task Force SIBaTer  sono i Comuni delle 8 Regioni del Mezzogiorno (Abruzzo, Basilicata, Calabria, Campania, Molise, Puglia, Sardegna e Sicilia).

 

I Servizi

I Comuni ricevono supporto tecnico per la realizzazione delle seguenti attività

  • individuazione e censimento dei terreni incolti e/o abbandonati (e relative unità immobiliari), sia di proprietà comunale, sia di proprietà privata presenti sul territorio comunale
  • avvio del processo di valorizzazione dei beni censiti, con l’elaborazione di un piano di valorizzazione e la pubblicazione di avvisi pubblici per la presentazione di progetti, preferibilmente da parte di giovani, anche organizzati in forme societarie/associative o in cooperativa.
  • selezione dei progetti di valorizzazione presentati, sulla base dei quali assegnare in concessione i beni

 

La Governance di Progetto e il Gruppo di Lavoro

Il Gruppo di Lavoro SIBaTer è organizzato in:  

  • 1 Unità di Coordinamento centrale composta da: Project Manager (Responsabile di Progetto); Referente istituzionale ANCI (RUP); Responsabile del Supporto tecnico-operativo; Staff Comunicazione-Disseminazione; Staff Monitoraggio; Segreteria tecnica e organizzativa 
  • 1 Task Force Nazionale composta da: personale interno ANCI, esperti esterni, personale in house ANCI 
  • 8 Task Force Regionali

 

La Banca delle Terre abbandonate e incolte

La BdT da cui nasce SIBaTer è la “Banca delle terre abbandonate e incolte” istituita con legge n. 123\2017 [art. 3] che assegnava ai Comuni del Mezzogiorno il compito di realizzare il censimento di terreni e delle relative unità immobiliari e/o fabbricati rurali, in stato di abbandono da lungo tempo e di proprietà comunale; realizzato il censimento, i Comuni pubblicavano degli avvisi rivolti ai giovani in età 18-40 anni, per l’assegnazione in concessione dei beni censiti sulla base della presentazione di progetti di valorizzazione. La norma non ha mai trovato attuazione.

Diario di bordo

In Calabria focus group SIBaTer e Legacoop su Cooperative di comunità

Si è svolto lunedì 22 marzo, in collaborazione con LegaCoop Calabria, il primo focus group  sulle Cooperative di comunità con un gruppo ristretto di Comuni calabresi aderenti a SIBaTer, i cui amministratori hanno manifestato la volontà di sostenere la costituzione sul...

Marzano di Nola, via al “Grande Progetto della Montagna”

Il Comune di Marzano di Nola ha predisposto la messa in sicurezza e il recupero alla produttività degli uliveti e della pineta circostanti il Santuario della Madonna dell'Abbondanza. Lo scorso 20 gennaio, l'amministrazione comunale ha aderito al programma Sibater...

SIBaTer in Regione Calabria, 140 Comuni coinvolti

I numeri di SIBaTer sul territorio calabrese sono davvero importanti, ben 140 i comuni coinvolti, con realtà provinciali particolarmente virtuose, come il caso della provincia di Vibo Valentia in cui si è registrata l’adesione di tutti i 49 comuni del territorio di...

Fordongianus e Allai (OR) accedono alla fase di affiancamento SIBaTer

I Comuni di Fordongianus e Allai (OR) il 3 marzo scorso hanno partecipato alla riunione di avvio affiancamento che costituisce la seconda fase di restituzione dei servizi prevista da SIBaTer, all’esito del ciclo di eventi informativi organizzati in collaborazione con...

Un’opportunità per i Comuni del Mezzogiorno

 

Con il supporto del  Progetto SIBaTer il Comune

  • rafforza la propria capacità amministrativa in tema di censimento e gestione di filiere amministrative complesse
  • crea opportunità occupazionali e di reddito per i giovani, sostenendo (anche attraverso le misure di incentivazione disponibili) la generazione di proposte imprenditoriali di valorizzazione delle terre, e del patrimonio pubblico in generale, da parte di giovani imprenditori. 

 

Scopri di più