L’attività di SIBaTer è il “terreno” su cui si incontrano offerta e domanda di terre, dove tutti i soggetti coinvolti -attori istituzionali, partenariato locale e società civile- in un possibile processo di valorizzazione dei beni “comuni” trovano soluzioni partecipate e condivise, si confrontano in un contesto di scambio continuo di pratiche imprenditoriali anche cooperative.
In questa sezione si propongono “Casi ed esperienze” che siano di stimolo ed ispirazione per altri territori. Si tratta di esperienze replicabili che, così come i Partners del Progetto SIBaTer, si trovano su tutto il territorio nazionale.

Azienda agricola MASSERIA DELL’OASI

Azienda agricola MASSERIA DELL’OASI

L’Azienda agricola di Penne (PE) è il primo produttore di alimenti in farro del centro Italia con oltre 6.000 quintali di prodotto trasformati. Ogni anno viene sperimentata la coltivazione di nuove specie tradizionali per recuperare cereali, leguminose e alberi da frutto a rischio di estinzione; tra i cereali si valorizzano i più antichi farro, grano tenero, orzo mondo, orzo distico e segale; tra le leguminose cicerchia, lenticchia e cece. Si coltiva esclusivamente con metodo biologico certificato e garantito. L'impianto per lo stoccaggio, la lavorazione, il confezionamento e la commercializzazione dei prodotti agricoli è stato realizzato direttamente in azienda evitando contaminazioni in strutture esterne e riducendo costi energetici per il trasporto.
Progetto iGRAL

Progetto iGRAL

L’agricoltura di montagna contribuisce alla gestione corretta del paesaggio e alla tutela della biodiversità e genera prodotti alimentari di qualità. Il Progetto di ricerca iGRAL, di Ager in partenariato con Università di Torino e Sassari, CNR e Agris Sardegna, ha pubblicato i risultati di sperimentazioni realizzate in 4 territori di Piemonte e Sardegna sulla gestione attiva del pascolamento dei bovini delle razze Highland e Sarda e sui suoi effetti su ripristino ambientale, biodiversità e servizi ecosistemici, in situazioni di completo abbandono di terreni vocati a pascolo.
Cooperativa di Comunità Calafata

Cooperativa di Comunità Calafata

La Cooperativa gestisce dei terreni nella piana lucchese in un’area caratterizzata da terreni coltivati a vigneti, oliveti e culture ortive e opera per il recupero del paesaggio agricolo, anche tramite percorsi di agricoltura sociale, nel quadro di una rete pubblico-privato. Ha avviato la trasformazione in Coop di comunità e come tale parteciperà con altri partners pubblici e privati all’adozione di un piano territoriale del cibo, caratterizzato da percorsi di economia circolare e civile.
Greenway Primiero

Greenway Primiero

È l’Associazione che riunisce i Comuni della Valle del Primiero e gli altri Attori pubblici e privati del territorio, occupandosi del coordinamento di progetti ed iniziative realizzati dai soci, affinché l’obiettivo condiviso di promuovere lo sviluppo locale in chiave di sostenibilità ambientale e innovazione, sia divulgato e diffuso sotto un unico “marchio”.
Cooperativa di Comunità Le Cinque Icone

Cooperativa di Comunità Le Cinque Icone

Nata dal percorso di co-progettazione del Comune di Pentone - con il sostegno SIBaTer, Università Magna Grecia e Legacoop - con la propria comunità e gli stakeholder locali, la neonata Coop, si propone di valorizzare le competenze, le tradizioni culturali e le risorse del territorio della Presila catanzerese, per lo sviluppo di attività economiche, agricole, artigianali; accoglienza, ricettività e altri servizi turistici; servizi sociali alla comunità.
Cooperativa di Comunità Fallo X Future

Cooperativa di Comunità Fallo X Future

La Coop nasce allo scopo di: erogare servizi di welfare rurale per gli anziani e di manutenzione del verde pubblico; gestire e promuovere il turismo nella Riserva regionale del Sangro; con il progetto SIBaTer, recuperare terreni inutilizzati per le coltivazioni autoctone del “fico nero” e “dell’olivo gentile”, compresa trasformazione e commercializzazione; coordinare le attività ricettive in agriturismo, alberghi diffusi e b&b; produrre energia da fonti rinnovabili.
Associazione Fondiaria Carnino

Associazione Fondiaria Carnino

L’ASFO Carnino è la prima Associazione fondiaria alpina in Italia che riunisce decine di proprietari interessati a far pascolare i propri terreni e disposti a utilizzare i proventi dell’affitto versato dall’allevatore per ottimizzare i pascoli, attraverso l’introduzione di un impianto idrico e vasche semovibili adatte ad un “pascolo turnato”.
Cooperativa di Comunità PRATOMAGNO

Cooperativa di Comunità PRATOMAGNO

Obiettivi della Coop sono: contrasto allo spopolamento e recupero boschi non curati e terreni agricoli incolti; creazione di nuova imprenditorialità e turismo consapevoli; riportare le botteghe nelle frazioni montane; investire in nuovi progetti per la montagna. Attraverso i suoi soci la Coop di comunità gestisce un ostello all’interno di un borgo medievale.
Frutteto urbano CiliegiaMI

Frutteto urbano CiliegiaMI

CiliegiaMi è un ciliegeto con 6mila alberi collocati su una superficie di 10 ha a Novate Milanese, Parco Nord Milano. Un esempio di integrazione tra agricoltura e natura che, oltre a ricostruire il paesaggio, rafforza la rete ecologica del territorio e promuove una produzione sempre più in relazione con la città, creando un legame diretto tra produttore e consumatore.
Azienda agricola TRE di ORO

Azienda agricola TRE di ORO

L'azienda siciliana fondata da due giovani agricoltori nel modicano coltiva olive autoctone e grano antico. I terreni sono stati curati senza l’utilizzo di alcun additivo chimico. La trasformazione avviene attraverso una filiera agroalimentare sostenibile con partner locali, a partire dalla trasformazione del grano attraverso macinazione a pietra naturale ad opera di un mulino storico nel ragusano.
Cooperativa Sociale CADORE

Cooperativa Sociale CADORE

La Cadore S.C.S. Onlus annovera tra i soci persone fisiche, altre coop sociali e consorzi di coop, e 10 Amministrazioni comunali. L’obiettivo della Coop è l’inserimento lavorativo di persone svantaggiate, creando occasioni di reddito e lavoro attraverso attività sostenibili economicamente e socialmente. I settori di intervento sono principalmente Ambiente e territorio e Turismo, con l’attivazione anche di progettazioni sperimentali.
Cooperativa di Comunità FER-MENTI LEONTINE

Cooperativa di Comunità FER-MENTI LEONTINE

Nel borgo antico di S. Leo, la Coop ha riaperto il vecchio forno dove si panifica con lievito madre; gestisce l’albergo diffuso nelle case rimaste disabitate e nello storico albergo Castello; propone servizi turistici integrati: visite guidate e laboratori di filato con l’allevatore di capre “Cashmere”; degustazione dei prodotti d’eccellenza ricavati dal maiale brado “Grigione di Montefeltro” ad opera di un’azienda agricola del luogo; la bottega di restauro in piazza.