L’iniziativa (ri) Abilita – Agricoltura sociale, frutto della coprogettazione della Cooperativa Semi di Vita di Bari con Intesa Sanpaolo, ha come obiettivo l’inserimento lavorativo di giovani dell’area penale.

Il progetto si svilupperà nell’arco di due anni per sostenere il percorso di formazione e inserimento lavorativo di circa 20 ragazzi, promuovendo opportunità di riscatto destinate a giovani detenuti presso l’Istituto Penale per Minorenni Fornelli di Bari e i ragazzi sottoposti a misure alternative alla detenzione presso Comunità del territorio.

(ri)Abilita risponde così all’esigenza di reinserimento sociale di ragazzi ai margini, un processo indirizzato alla riconquista della dignità sociale e culturale attraverso il lavoro, strumento indispensabile per migliorare la qualità della vita e per offrire opportunità concrete, come confermano anche alcuni dati.

Infatti secondo uno studio effettuato dal Dipartimento di Amministrazione Penitenziaria (DAP), la percentuale dei recidivi fra coloro che scontano una pena in carcere è del 68%, valore che scende al 19% nel caso di coloro che scontano una pena alternativa, a conferma del fatto che i detenuti che hanno avviato esperienze di lavoro registrano una sensibile riduzione del  tasso di recidiva (fonte: Ministero della Giustizia).

Con questo progetto si promuove il lavoro come forza riabilitante per giovani in condizioni di fragilità, realizzando una vera e propria scommessa educativa e facilitando la rigenerazione di beni comuni.

Leggi la notizia completa sul sito: vita.it