WUULS, start-up abruzzese di maglieria sostenibile orientata all’economia circolare che nasce nel 2019 dall’idea di due fratelli giovanissimi, Emanuela e Francesco Picchini, è stata scelta tra le prime cinque “Storie di Skipper” da Skipper, marchio del Gruppo Zuegg.

La campagna Storie di Skipper, che vivrà sulle piattaforme digitali di Skipper, darà voce a cinque storie di innovazione e sostenibilità tutte italiane, start up audaci che non conoscono confini, fondate da persone che credono nella forza del cambiamento.

La maglieria di WUULS mantiene in vita l’antica e dimenticata tradizione della lavorazione della lana delle pecore abruzzesi, per farne una linea di maglioni genderless, senza tempo e di tendenza.

Oggi il team è cresciuto insieme a Gabriele Core, amico d’infanzia, e a Valentino Grossi, ingegnere industriale.

Sin dal principio WUULS ha scelto di rendere parte integrante della propria offerta strategica la valorizzazione delle terre del Parco Nazionale del Gran Sasso: il 5% dei guadagni della startup vengono infatti devoluti alla sistemazione e riqualificazione del “corridoio di pascolo” presente all’interno del Parco e a progetti di salvaguardia dell’Orso Marsicano, legando così un progetto di sviluppo economico sostenibile al territorio di provenienza e alla riqualificazione turistica e naturalistica della propria terra d’origine.

Per realizzare i propri prodotti WUULS utilizza lane del Parco Nazionale del Gran Sasso tingendole al vegetale, che è la cosa che più li caratterizza. Nella loro filiera, interamente Made in Italy, si tiene conto dell’ambiente e delle persone che vi lavorano ed è anche per questo che si definiscono “More Than Just a Brand”, perché in realtà vogliono far parte del cambiamento ridefinendo le regole del gioco della moda.

Leggi la notizia su: forchecaudine.com